PAOLO GIORDANO VUOLE FARSI PRETE

paolo_giordano_vuole_farsi_prete

Per il 2010 era prevista l’uscita nelle librerie del suo nuovo romanzo. Alcune voci fuoriuscite dal quartier generale di Segrate davano per probabile il mese di marzo, pochi mesi prima dell’appuntamento fieristico di Torino. Ora sembra saltato tutto. Proprio ieri la mail di un redattore Mondadori, amico di vecchia data, ci ha fatto sobbalzare dalla sedia. Paolo Giordano vuole farsi prete. Proprio così, avete capito bene. L’enfant prodige della letteratura italiana, vincitore del Premio Strega nel 2008, con il suo primo romanzo, La solitudine dei numeri primi, ha deciso di prendere i voti. La stesura del suo secondo romanzo risulta attualmente bloccata. Pare mancassero solo gli ultimi capitoli. Ma con tutta probabilità il nuovo libro di Paolo Giordano non arriverà più. Alla Mondadori non sanno cosa pensare. Parte della direzione editoriale è convinta che si tratti di una parentesi, di una crisi passeggera dello scrittore, e sperano che presto si rimetta a scrivere. Altri invece hanno già mobilitato gli avvocati per capire come rientrare dell’oneroso anticipo dato a Giordano per l’esclusiva del suo secondo romanzo. Romanzo che, la nostra fonte si lascia scappare, racconta la storia di un giovane rom diventato cuoco personale di un influente politico italiano. Il tema dell’integrazione, quindi. Ma i registratori di cassa della Mondadori probabilmente rimarranno a bocca asciutta. Paolo Giordano si troverebbe attualmente in pausa di riflessione nell’Abbazia di Santa Giustina, in provincia di Padova. In una delle venti camere singole che l’istituto religioso offre ai visitatori. Abbiamo provato a chiedere notizie chiamando l’ufficio parrocchiale ma non ci hanno voluto dire niente, anzi negano la presenza dell’illustre ospite. Ma vi terremmo aggiornati.

Annunci