DICONO DI ME

dicono_di_me

Dicono che non esisto. Che sono De Ascentiis. Che sono un coglione. Che con i miei soldi saprebbero loro cosa farci. Che mi hanno visto nel garage di San Babila col Cayenne e che quindi sono Ventola. Che sono un giornalista con un po’ di fantasia. Che a prevedere il caso Carrozzieri non ci voleva molto. Che in serie A non c’è nessuno con le mie caratteristiche. Che sono un portiere di riserva. Che non è importante se è vero quel che dico perché quel che dico è interessante. Che quel che dico è noioso e non frega a nessuno. Che la depressione ce l’hanno avuta anche loro. Che con i miei soldi a loro la depressione non sarebbe venuta. Che non potevo fornire troppi indizi corretti altrimenti mi avrebbero sgamato. Che mi pagano troppo. Che sono uno sfigato. Che sono un autore radiofonico. Che scrivo troppo bene per essere un calciatore. Che dovrei cambiare vita. Lo dicono perché mi leggono. E io leggo loro, sempre. E gli faccio una domanda: voi, perché mi leggete?

Leggi tutte le puntate

Annunci