ANTONIO SCURATI COME VASCO ROSSI

Uno dei momenti più alti della cerimonia del Premio Strega 2009 è stato quando il giornalista Rai Franco Di Mare, conduttore della diretta televisiva, si è avvicinato a Alain Elkann per chiedergli la sua preferenza. Alain con onestà ha ammesso di aver votato per Antonio Scurati. A Franco Di Mare! Ma che non lo sapevi che Elkann pubblica per Bompiani! Che volevi scopri’? L’acqua calda?
Mancavano dieci schede al verdetto e Tiziano Scarpa e Antonio Scurati erano pari.
Ma perché Antonio in quel momento eri così triste?
Non avevi ancora perso eppure sembravi già rassegnato.
Così nervoso, che hai lanciato una frecciatina a Franco Di Mare mentre ti intervistava.
“Perché proprio io per penultimo?”, hai chiesto. Come se avessi previsto un disegno. L’ultimo autore intervistato dal giornalista Rai doveva essere il vincitore, cioè Scarpa, e così in effetti è stato. Se tutto questo occupava la tua mente e il tuo cuore in quei minuti, allora forse facevi bene ad esser triste. Solo che a vederti da casa, in tv, sembravi “rosicare”. Hai fatto la figura di quello che si autocandida, e poi, quando si accorge di aver perso con un gol al 90° rosica. Noi ci proviamo a farti assegnare un premio. Noi siamo con te. Ci chiediamo cosa ti avrà detto Elisabetta ieri sera. Pacca sulla spalla e “bravo lo stesso”? Oppure fulmini e saette? Ma che c’entri tu poi? Si sa che allo Strega sono i generali quelli che procurano i voti. E tu sei solo un soldato.
Ci sono state due schede bianche. Due voti inespressi che in un modo o nell’altro avrebbero potuto renderti più felice. Perché avresti potuto vincere tu, Antoonio, per un solo voto di scarto. Oppure Scarpa avrebbe potuto vincere con tre voti in più, e la beffa sarebbe stata meno dolorosa.
Che poi non era anche più televisivo far vincere te, bello, alto, con tutti i capelli, sale e pepe alla George Clooney? Ti manca solo il sorriso, un po’ piacione. Avessi anche quello… Invece hanno fatto vincere un autore basso, pelato, niente da dire come scrittore si intende, ma certamente non all’altezza del tuo fascino…
Chissà che tu non faccia la fine di Vasco Rossi che perdeva a Sanremo e poi si prendeva una rivincita con le vendite…

Annunci